Archivi categoria: Retroincontri

Uffici stampa e portavoce, dietro le quinte della politica

Passione per la politica e stima per le persone che si seguono: sono gli ingredienti fondamentali per un buon portavoce. Se ne è parlato questa mattina nella sala Lippi in un incontro organizzato dall’Associazione giornalisti Scuola di Perugia (Agsp).«Non ci deve essere necessariamente una sovrapposizione di ideali, ma è molto difficile rappresentare una persona che non si stima», spiega Monica Macchioni, portavoce per il Pdl. «Occorre una sinergia fra le due figure, altrimenti il gioco non funziona».

Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Retroincontri

L’Europa e l’incubo dell’austerità

Il destino dell’Unione europea mai come in questi mesi è indecifrabile. Il progetto di un’Europa unita politicamente è ancora solo un sogno, mentre i governi degli Stati membri continuano a fare i conti con l’incubo dell’austerità economica. Al Festival del giornalismo di Perugia se n’è parlato nell’incontro “Europa: morte o rinascita politica?”, organizzato dall’Associazione giornalisti Scuola di Perugia (Agsp) in collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione europea.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Retroincontri

Tommaso da Milano tra premi e web 2.0

Tommaso Canetta viene dalla Scuola di giornalismo Walter Tobagi dell’Università degli Studi di Milano. Ha 26 anni e ha appena vinto il secondo premio del “Concorso per i giovani iscritti alle scuole di giornalismo italiane”  promosso dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea, in collaborazione con l’Associazione Giornalisti Scuola di Perugia e con il patrocinio del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti.

Il praticante e il suo Festival – Tommaso è arrivato al Festival del giornalismo il primo giorno «per seguire gli incontri sul giornalismo on-line e i nuovi modelli di business dell’informazione multimediale». Riparte l’ultimo giorno con la soddisfazione di aver assistito a workshop interessanti («soprattutto quelli curati da ospiti stranieri») e di «aver sprecato tempo in modo divertente guardando Telese e Cruciani litigare al Teatro Pavone». Carceri, Europa e immigrazione sono  i temi a cui è più interessato. Non a caso il lavoro con cui ha vinto il premio riguardava il diritto di voto dei cittadini stranieri dell’Unione europea residenti in Italia (“Comunali queste sconosciute. Voterà solo uno straniero su dieci”).

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Retroincontri, Retrostampa

Enrico e la radio che Libera Tutti

Enrico Tata, 25 anni, quest’anno è per la terza volta al Festival. E se oggi è a Perugia da volontario, l’anno scorso è stato qui per un altro motivo: la premiazione del concorso giornalistico dedicato a Peppino Impastato, il giovane attivista siciliano ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978.  A quella premiazione, Enrico si è classificato primo per il servizio video girato con il suo amico Ruggero Spataro.

Da Peppino alla Radio – Enrico viene da Ariccia, il suo interesse per Peppino Impastato è nato quando era appena al liceo.  «È una figura che mi ha sempre colpito», racconta. E proprio da quella figura è nata l’idea di creare la web radio che Enrico ha fondato con altri amici: Radio Libera Tutti; per inaugurarla hanno mandato in diretta tutte le trasmissioni di Impastato su Radio Aut. «L’idea principale è quella della libertà: nella nostra radio diamo spazio a chiunque», spiega. Radio Libera Tutti trasmette sul web dal 2009, ogni giorno dal primo pomeriggio fino a mezzanotte. «Nel direttivo – aggiunge Enrico- siamo 16, ma poi ci sono circa 50 persone tra speaker e collaboratori».

Uno sguardo al futuro – La passione per il giornalismo Enrico l’ha scoperta al liceo, quando ha iniziato a collaborare con il giornale scolastico. Poi ha fatto esperienza in un periodico locale e poi ancora in radio e tv. Nel frattempo ha continuato a studiare e si è laureato appena un mese fa alla magistrale in editoria e giornalismo. Alla domanda su cosa voglia fare in futuro ancora non ha risposta. «Diciamo che per altri due anni voglio rimanere “giovane” – scherza-, penso che continuerò a studiare, magari una scuola di giornalismo o forse proverò un dottorato». Perché la passione per il giornalismo c’è, ma oltre a quella c’è anche tanto altro.

Riccardo Cavaliere

Lascia un commento

Archiviato in Retroincontri, Retrostampa

Lo scandalo Wikileaks e l’Italia

Wikileaks, l’organizzazione di hacker che ha sconvolto il mondo pubblicando documenti segreti di tutto il mondo (sulla guerra in Afghanistan e sui rapporti diplomatici dei maggiori Paesi del mondo, solo per fare un paio di esempi) è ospite del Festival del giornalismo oggi alle 19.30 alla Sala Raffaello dell’Hotel Brufani. Lo scandalo delle fughe di notizie pilotate dal gruppo di Julian Assange ha lambito anche l’Italia. A discuterne con Stefania Maurizi, autrice del libro “Dossier Wikileaks. Segreti italiani” che dà il nome all’evento, ci sono il numero due dell’associazione Kristinn Hrafnsson e il direttore del Centre for Investigative Journalism, Gavin MacFaiden.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Retroincontri

Una prova di prosa potrà salvarci dal conformismo?

Il giornalismo soffre di conformismo. E fin qui nulla di nuovo. Ma quando la diagnosi viene fuori da Pietrangelo Buttafuoco (Panorama e Il Foglio) e Fulvio Abbate (Il Fatto e Teledurruti), allora è tutta un’altra storia. Un confronto colto, animato e divertente.  Sullo sfondo l’amata Sicilia, Catania per il primo, Palermo per il secondo.  In prima fila tra il pubblico un altro catanese, Francesco Merlo. Si scivola e si sguazza tra cultura e giornalismo. Il nome stesso dell’evento lo annunciava: “Volevo diventare Rimbaud e invece mi hanno dato un tesserino”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Retroincontri

“Senza te è tutta un’altra cosa”

Alesandro Gilioli, L'Espresso

12 novembre 2011, Silvio Berlusconi rassegna le dimissioni nelle mani del Capo dello Stato. Sono passati solo cinque mesi, ma dal punto di vista informativo sembrano immagini lontane anni luce e scolorite.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Retroincontri