Archivi tag: festival

Un caffè con… Vittorio Zucconi

Il direttore di Radio Capital e giornalista di Repubblica spazia dalla situazione politica italiana fino alla competizione elettorale negli Usa. Con un giudizio su come i media stanno coprendo le vicende del governo tecnico.

 

Riccardo Milletti Paola Cutini Elisabetta Terigi

Lascia un commento

Archiviato in Retrovideo

E’ successo a noi…

Ci siamo. Il Festival del giornalismo sta per mandare i titoli di coda. Oggi è tutto un via vai di trolley e valigie, gente che viene e che va. Baci, abbracci, strette di mano. «Ciao carissimo, ci vediamo presto. Fammi sapere per quella cosa lì», «Ci vediamo a Roma, chiamami. Facciamo quell’incontro lí, cosí ti presento quello là», «ciao bello, chiamami». In molti decidono di restare per i grandi eventi di stasera e parecchi arriveranno solo per loro: Travaglio e Santoro. Si parlerà di Tangentopoli e di servizio pubblico. Ci si mette in fila, tre o quattro ore prima dell’evento per il personaggio. L’atmosfera è quasi holliwodiana. Tutti pronti con macchine fotografiche, libri da firmare e sorrisi deliranti. È il successo, bellezza. A pochi interessa di cosa parleranno i due giornalisti, quasi tutti corrono per il grande nome sul manifesto.

Lascia un commento

Archiviato in Retroscena

La voce di Mario Sechi sulla stampa locale

Giorgio Matteoli

Lascia un commento

Archiviato in Retroaudio

New media: i soldi fanno la felicità, ma come?

Un incontro per capire come il giornalismo del terzo millennio possa trovare introiti in grado di garantirgli un futuro: questo in sintesi è stato quello che si è tenuto presso la Sala Raffaello dell’Hotel Brufani di Perugia. Nella mattinata del quarto giorno del Festival del giornalismo Luca Conti, fondatore di pandemia.info, ha moderato un panel che ha avuto però un difetto di partenza: parlare dell’editoria del futuro e della sua sostenibilità economica senza l’intervento di editori, cioè i protagonisti del discorso, per non dire gli “imputati”. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Retroincontri

C’è tutto un mondo intorno

IMG_0758IMG_0750IMG_0747IMG_0820IMG_0746IMG_0765
IMG_0764IMG_0679IMG_0752

C’è tutto un mondo intorno, un set su Flickr.

I giovani volontari e i giornalisti lavorano in ogni dove e in tutte le “posizioni” per seguire il Festival. In sala stampa c’è una vera e propria bulimia di giornali. Appena fuori dall’hotel Brufani, invece, c’è chi, di lavorarne, non ne vuol sapere proprio niente!

Riccardo Milletti

Lascia un commento

Archiviato in Retrofoto

La terza giornata del Festival

IMG_0696IMG_0729IMG_0676IMG_0761IMG_0788IMG_0755
IMG_0763IMG_0832IMG_0734IMG_0827

La terza giornata del Festival, un set su Flickr.

Alcuni momenti dei panel che abbiamo seguito oggi. Luca Sofri intervistato dalla web-tv del Festival, La Zanzara in onda dall’hotel Brufani e la coda fuori dal Teatro Pavone per Beppe Severgnini

Riccardo Milletti

Lascia un commento

Archiviato in Retrofoto

Slow News, il blog “estero” di Ugo Tramballi

Riflettendo con lentezza. Così si potrebbe riassumere il concetto di base di Slow News, il blog di Ugo Tramballi, giornalista del Sole 24 Ore che da anni ormai gira il mondo cercando di capirlo meglio. Tramballi è presente al Festival del giornalismo di Perugia come ospite del panel “Primavera araba. Rivoluzione incompleta?” (organizzato dall’Associazione Allievi Scuola di Perugia), ma in mattinata è intervenuto in diretta telefonica alla trasmissione di Radio 1 “Radio Anch’io”.

Non più giovane… – Nato nel 1957 a Milano, Ugo Tramballi non ha problemi ad ammettere che è «dura restare al passo coi tempi”. Anche da questo «nasce l’idea del blog sul sito web del Sole 24 Ore. E devo dire che per ora va molto bene, scrivere un pezzo per il mio spazio personale mi permette di essere più libero, pur nel rispetto dell’autorità del quotidiano». Aperto a novembre scorso anche per «sopravvivenza al cartaceo, che non concede troppo spazio agli esteri», Slow News ha già fatto molti “adepti”: «Arrivare a novanta commenti per un solo articolo è qualcosa che mi emoziona, si comprende meglio il seguito dei lettori rispetto al vecchio quotidiano cartaceo». Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Retrostampa