Archivi tag: Laith Mushtaq

LE NUOVE STRADE DEL REPORTAGE

di Claudia Bruno


Racconta storie, cerca dettagli, riprende in profondità i temi di cui tratta. È il reportage, forma giornalistica illustre, caduta in disgrazia negli ultimi anni a causa di costi e tempi di realizzazione eccessivi, che redazioni in crisi non possono permettersi. Ne hanno parlato ieri Fabrizio Gatti dell’Espresso e Federico Fubini del Corriere della Sera, intervenuti al Centro Servizi Alessi insieme alla giornalista della tv tedesca ZDF, Maren Beuscher e al cameraman di Al Jazeera, Laith Mushtaq.

La fusione con l’inchiesta – Gatti, autore di servizi sugli immigrati nei centri di permanenza temporanea e nei campi agricoli del Sud Italia, racconta che il reportage può sopravvivere oggi se incorpora i contenuti dell’inchiesta. Se, accanto a un’approfondita osservazione, acquista un valore di denuncia su fatti d’attualità o di interesse pubblico e civile. Fubini ricorda l’importanza del reportage come finestra sul mondo: “I giornali italiani non hanno un respiro internazionale, si occupano poco del resto del mondo, quasi spaventati dalla progressiva irrilevanza dell’Italia fuori dai confini nazionali. Ma non comprendere quello che succede all’estero, vuol dire condannarsi a diventare sempre più piccoli e isolati”.

Mezzi e linguaggi diversi – Per un buon reportage, se si lavora per la tv, è fondamentale il ruolo delle immagini. Gli ospiti raccontano piccoli e divertenti episodi di ordinaria incomprensione fra giornalisti e cameramen, che lavorano fianco a fianco perché le immagini riprese rispecchino il più possibile la realtà e la storia che si vuole raccontare. Diverso il discorso per settimanali e quotidiani, che devono affidarsi solo alle parole, ma permettono servizi più arditi, incursioni in ambienti e luoghi cui sarebbe difficile accedere con macchine fotografiche e telecamere.

Annunci

1 Commento

Archiviato in Retroincontri

GIORNO TRE:IL GIORNALISMO TRA GUERRA, SPORT E NUOVE FRONTIERE

di Elena Baiocco

Festival bagnato, festival fortunato. La terza giornata del festival internazionale del giornalismo si è aperta all’insegna del maltempo che, però, non ha scoraggiato la partecipazione di interessati e aspiranti cronisti alla diretta di Radio Anch’io dall’ Hotel Brufani. Tema della trasmissione le missioni e i rischi che affrontano gli inviati di guerra. Ad animare il dibattito Laura Silvia Battaglia, giornalista di Avvenire e Laith Mushtaq di Al-Jazeera. Presente anche il direttore di Radio Rai Antonio Preziosi.

I servizi delle emittenti locali – ReteSole si è concentrata sul calcio, optando per “ Clamoroso al cibali”, un incontro dedicato al confronto tra i diversi modi di fare telecronaca, con particolare attenzione per i neologismi calcistici. Tra gli ospiti Marco Civoli di Rai Sport e Maurizio Compagnoni di Sky Sport. Umbria Tv ha invece scelto di realizzare un servizio su “A qualcuno piace lento”, con Lucia Annunziata, giornalista della Stampa e Rai Tre e Laura Eduati, co-fondatrice di Reportage Italia, un sito che abbina la tecnica del reportage al linguaggio del web. Lo scopo del dibattito era ragionare sui metodi per unire la forza dell’approfondimento tradizionale alle potenzialità di internet, mirando ad un giornalismo di alta qualità.
Una copertura selettiva degli eventi quella delle Tv locali,  in parte snobbate dagli organizzatori della kermesse che sembrerebbero puntare più ad una visibilità mediatica di livello nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Archiviato in Retrostampa, Uncategorized

UNA DOMANDA A LAITH MUSHTAQ

di Ilaria Raffaele

Lascia un commento

Archiviato in Retroaudio